Pagina:Occhi e nasi.djvu/157

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 156 —


— A pregar Vittorio, perchè voglia andarsene....

— E perchè tutta questa fretta?

— Tu vuoi che egli esca subito di casa nostra....

— Ma quando si dice subito, s’intende bene che basta anche domani, anche domani l’altro! Non vedo il perchè tu abbia tanta premura di metterlo fuori di casa.

— Io?

— Che carattere curioso! Quando prendi a perseguitare una persona, non hai bene fin che non l’hai cacciata in mezzo alla strada. —


*


Un quarto d’ora dopo, Vittorio e Laura s’incontrarono per caso in sala, ed ebbero fra loro, a scappa e fuggi, un dialogo brevissimo, ma drammatico e concitato.

Il dialogo finì con queste parole:

— Laura, non mi dite di no! Datemi questa prova di fiducia, e io vi prometto di rispettarvi come si rispettano le cose sante!

— Davvero?

— Ve lo giuro!

— Ebbene, stasera vi aspetterò nel mio salotto da lavoro. Sento che faccio molto male; ma oramai è destino. —


*


La sera, mentre Laura stava per andare al teatro, fu colta da un improvviso e violentissimo attacco d’emicrania.