Pagina:Occhi e nasi.djvu/159

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 158 —

sul canapè,e le disse sottovoce con una specie di mistero:

— Sa chi è di là?

— Chi?

— La signora Emilia! —

Laura fu presa da un tremito per tutta la persona; ma ebbe tanto spirito per dire alla cameriera:

— E che bisogno c’è di tutto codesto mistero!

— Credevo....

— Chétati, imbecille, ed escimi di torno! —

La Marietta se ne andò, ma nell’andarsene via dalla stanza, disse fra sè e sè tutta contenta: — «Imbecille quanto ti pare; ma intanto ti ho guastato le uova nel panierino».

— Laura!

— Emilia! Che cosa significa questa improvvisata!

— Un capriccio, uno de’ miei soliti capricci, mia cara e simpaticissima amica. E Vittorio è in casa?

— Credo che Vittorio per questa sera non lo potrai vedere.

— Perchè?

— Perchè mi ha detto che andava, colla strada ferrata, a fare una visita allo zio Arciprete.

— Per l’appunto stasera! Pazienza. Scommetto che tu non mi aspettavi.

— A dir la verità, ti aspettavo fra tre o quattro giorni. Almeno così mi disse Demetrio.

— Ma invece ho anticipato: e sai perchè? Per arrivar qui all’improvviso senza che Vittorio ne sapesse nulla.