Pagina:Opere di Mario Rapisardi 5.djvu/342

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
342 Epigrammi

X.


Tu della via frequente il polveroso
    Margine allieti d’alcun’ombra, e un dolce
    Profumo, o generosa arbore, spargi
    Da’ floridi corimbi ora che tutta
    5L’affocata campagna arida anela.
    Posa al tuo piede il mulattier, cui l’arsa
    Canicola la cute ispida abbronza,
    E ricreato canticchiando, i tuoi
    Rami e i tuoi fiori con la frusta offende.
    10Anche il monel, che scalzo in tra una nube
    Di provocata polvere saltella,
    A te fermasi incontro e con acuti
    Sassi t’impiaga, come può, le braccia.
    Piovono a' colpi gl’innocenti grappi,
    15Cadon le cime tenerelle, e il suolo
    N’è sparso intorno: del crudel balocco
    Stanco alfine ei si parte; e voi, gentili
    Spoglie nell’alto nate, offese e guaste
    Sotto il piè di chi passa inaridite.
    20Men dura sorte inver, non però degna
    D’invidia al generoso, ha quell’arcigno