Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo II.djvu/107

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LIBRO PRIMO 87

monarca ai soli benvolenti suoi, ascrivendo le persiane leggi a regal dono e grazia la facoltà di portare anello d’oro, cintura, o collana od altro tale ornamento1. Dopo questa disgraziata guerra il re dei Saraceni, Alamandaro, sentendo Cavado nella massima costernazione e tristezza, ma dispostissimo tuttavia a perseverare nelle armi, venne a lui con queste parole:

VII. « Mal si consiglia, o re, chi troppo fida nella fortuna, e crede suo retaggio la vittoria in campo; il pensarlo contrasta alla ragione, non meno che al corso delle umane vicende, e guai all’uomo sedotto a prestarvi fede, non avendovi dolor più forte di quello proviamo nel mirar tradite le nostre speranze. Quindi é che gli espertissimi duci non affrontano mai direttamente i pericoli della guerra, ed eziandio quando veggonsi da ogni lato superiori ai nemici non lasciano di studiare artifizj e stratagemmi a fine di gabbarli, perocché delle sole armi usando non si può essere mai certi della vittoria. Cessa dunque, o re, d’attristarti cotanto pe’ rovesci tocchi dalle truppe di Perozo, né più esporti di tal guisa a nuovi rischi. Mai fu la Mesopotamia guarnita di sì valide fortifica-

  1. (1) Erano parimente segni di grandissima distinzione in Persia, e dal re accordati ai benivolenti suoi e benemeriti della repubblica, la veste alla foggia de’ Medi (nomata da alcuni autori δυροφοριχη, e ne’posteriori tempi serica, i braccialetti d’oro e così pure l’acinace ed il freno del cavallo (V. Erodoto, lib. iii e vii ; Senofonte, Cirop., lib viii, ed Anabasi, lib. i; Giuseppe Flavio, Antich. Giud., lib. x e xi; Plutarco, Vita di Artaserse; Dione Crisost. , Oraz. 2).