Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo II.djvu/219

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LIBRO SECONDO 197
CAPO XIII.
Ratificamento della pace inviato da Giustiniano a Cosroe. — Carità degli Edesseni verso i prigionieri d'Antiochia frustrata dall'avaro Buzez. — Carreni trattati urbanamente dal Persiano. — Origine delle pretensioni del monarca persiano su di Costantina. — Dara assediata dall'esercito reale, ma non vinta."


I. Cosroe avuto da Giustiniano il ratificamento degli accordi stabiliti dall'ambasceria1, accomiatò subito gli ostaggi e si diresse altrove.

II. Fece di poi mercato dei prigionieri condotti da Antiochia, a pro de' quali mostraronsi gli Edesseni di una carità oltre ogni esempio, tutti indistintamente accorrendo alla chiesa con offerte in prezzo del riscatto loro, molti entro i limiti delle proprie facoltadi, e taluni operando eziandio, in apparenza almeno, sforzi di esse maggiori; fin le donne pubbliche che v'apportavano i loro ornamenti, ed i contadini privi di danaro supplivano con asinelli e con montoni. Ragunossi per simil guisa grande quantità d’oro, d’argento e di altri effetti ma disgraziatamente nulla di tanto andò a benefizio dei prigionieri in causa dello scellerato Buzez, il quale anelante di trar vantaggio da si copiose ricchezze, s'oppose al desiderio commendevolissimo degli abitatori ed instigò il Persiano a tutte rapirle.

  1. (1) Anni dell’era volgare 543, e 16.° dell’imperio di Giustiniano.