Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo II.djvu/365

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LIBRO PRIMO 339

cavalli delle imperiali razze della Tracia, presente di Giustiniano al condottiero, di là apportarono ad Abido, e la bonaccia ve li ritenne quattro giornate. In questo intervallo due Massageti uccisero un compagno che beffavali di lor ebbrezza, essendo gente appassìonatissima del vino; e Belisario condannolli entrambi a morire di laccio su d’un promontorio di quella regione. Per la quale sentenza tutta la schiera loro, e massime i consanguinei, levarono forte rumore, dicendo non essersi già sommessi alle romane leggi entrando volontariamente in lega coll’ imperio, nè in patria andar punita di morte simigliante colpa; e mormoravanne altresì alcuni Romani, che, scellerati eglino stessi, non volevan sentir di gastighi contro de’ rei. Il duce però fatti chiamare a parlamento i Massageti e l’esercito intiero così arringolli :

IV. « Se a gente inesperta di guerra o a nuove cerne ora io prendessi a ragionare, dovrei con assai lunga diceria esporre quanto addivenga efficace la osservanza della giustizia al conseguir la vittoria, lasciando agli ignoranti il pensare che tutte la forza di quest’ arte, e tutti i prosperi o contrarj eventi delle armi

    presso l’Arduino: Περενθιων Νεωχορων; Perinthiorum Neocoron. È chiamata poi Eraclea da Zosimo in Aureliano, scrivendo: « Nel tempo della sua dimora presso Perinto, che ora, mutato il nome, è detto Eraclea, gli furono tramate insidie » ( lib. i, cap. 6 ) ; da Vopisco e da Eutropio. Marciano eracleota la dice colonia de’ Samii (Perieg. in fine ; V. inoltre Procopio, lib. iv, degli Edif. ).