Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo II.djvu/390

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
366 GUERRE VANDALICHE

dalla giustizia, ed un guerriero disamorato del suo duce non tratterà mai coraggiosamente le armi. Noi di più avemmo sempre che fare collo Scita e col Persiano, i Vandali in vece dopo messo piede nell'Africa non videro altri nemici che l'ignudo Numida; e chi di voi ignorerà essere ogni maniera di disciplina per lo esercizio accresciuta, e dall'ozio fiaccata? Abbiamo del resto un campo ben trincerato ove depositare senza tema le salmerie e le armi soverchie, ed ove tornando non patiremo difetto di vittuaglia. Pregovi adunque tutti che vogliate, rimembrando la fortezza vostra ed i cari pegni lasciati in patria, accingervi con animo intrepido ai perigli di questa lotta ».

II. Dopo l'esortazione il duce, invocato il divino aiuto e fidata sua moglie Antonina ed il campo alla fanteria, mosse con tutti i cavalieri, non persuaso di cimentarsi alla prima coll'intiero esercito, nè volendo piuttosto conoscere, scorrazzando e badaluccando, le forze nemiche per indi valersi degli uni e dell'altra. Fatti perciò inoltrare i capi delle schiere confederate, e'seguivali passo passo cogli astieri, co' pavesaij e colle altre sue guardie. Pervenuti quelli a Decimo al mirare tuttavia in su la terra i cadaveri degli uccisi, e tra essi i dodici colleghi capitanati da Giovanni, ed Ammata stesso con parecchi Vandali, e all'udire dai contadini le passate schermaglie, stettersi alquanto sopra pensiero ed incerti del partito da prendere. Ma intanto che andavano ponendo mente alle cose loro e volgendo su per que'poggi lo sguardo all'intorno, videro levarsi da tramontana gran polverio, cui tenne ben presto dietro una foltissima