Pagina:Opere di Procopio di Cesarea, Tomo II.djvu/530

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
506 INDICE


  donata a Giustiniano da Abocaralo. — Saraceni soprannomati Maddeni; altri di essi antropofaghi. — Etiopi detti Auzomiti. — Due parti. — Navigli di particolare costruzione sul mare etiopico e nelle Indie. — Blemj e Nobati. — Tempio inalzato da Diocleziano presto di Elefantina, File nomandone il luogo. — Empj sagrifizii di que' barbari. — Giustiniano lo atterra.  Pag. 99 
Capo XX. 

Ellisteo, re d'Etiopia, muove guerra agli Omeriti, ed uccisone il re dà il trono al cristiano Esimifeo. — Ribellione dei popoli contro il nuovo monarca, suo impriglonamento, e scelta di Abramo, schiavo d'un cittadino adulita, a succedergli nel regno. — Ellisteo indarno prende a guerreggiarlo. — Ambasceria di Giustiniano presso gli Etiopi e gli Omeriti. — Sua trista riuscita 

» 107 
— XXI. 

Pace chiesta dai Romani. — Chiamata di Belisario in Bizanzio, e sua destinazione a guerreggiare i Vandali. — Martiropoli assediata dai Persiani. — Giustiniano corrompe un loro esploratore per danaro. — Testamento e morte di Cavado. — Cosroe successor suo. — Martiropoli francata dall'assedio persiano 

» 109 
— XXII. 

Ambasciatori di Giustiniano in Persia per conferire sulla pace. — Rufino, altro d'essi favorito da Cosroe, diviene sospetto ai colleghi. Patti e conchiusione della pace 

» 114 
— XXIII. 

Congiura degli ottimati persiani contro al re. — Strana ventura del fanciulletto