Pagina:Opere scelte di Ugo Foscolo II.djvu/109

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
108


GIUSEPPE PARINI


morto


nel mdccxcix.



Quell’io che già con lungo amaro carme
     Amor derisi e il suo regno polente;
     E chiamai dietro me l’Itala gente.
     Col mio riso maligno, ad ascoltarme;

5Or sento anch’io sotto l’indomite arme,
     Fra la folla del popolo imminente,
     Dietro le rote del gran carro lente
     Dall’offeso tiranno strascinarme.

Ognuno per veder la infame multa.
     10Corre, urta, grida al suo propinquo: È quei;
     E il beffator comun beffa ed insulta.

Io scornato abbassando gli occhi rei,
     Seguo il mio fato; e il mio nemico esulta —
     Imparate a deridere gli Dei!