Pagina:Opere scelte di Ugo Foscolo II.djvu/31

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

CAPITOLO1


Stampi chi vuole sue prosaccie in rima.
     Tu con Lucia gentil leggi sì piano
     3Questa, che in altre orecchie non s’imprima
Non so ch’uomo giammai ponesse mano
     A una commedia che ribrezzo e riso
     6Insiem ti desti contro un mostro umano.
E’ pare che natura abbia diviso
     Dalla lepida bella il raccapriccio:
     9Abborri Giuda, e ridi di Narciso.
Pur a Natura venne anche il capriccio
     Di creare, fra tanti, un animale
     12Ch’io ’l guardo, e rido e di paura aggriccio.
Non ride ei già, ma con voce nasale
     Scilingua e ghigna s’altri gli contende;
     15Di nessun dice bene, e d’ognun male.

  1. Questo capitolo stampato non ha guari in Milano in un almanacco con qualche cangiamento, e attribuito a G. Baretti, noi lo abbiamo trovato unito alla cantata che segue, fra gli scritti del Foscolo colla data di Bellosguardo 15 Giugno 1813 e lo pubblichiamo perciò come cosa sua.