Pagina:Opere scelte di Ugo Foscolo II.djvu/78

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

77

E in un’urna sepolcrale:

ΕΝ ΜΥΡΟΙΣ
ΣΟ ΤΕΚΝΟΝ
Η ΨΥΧΗ


«Negli unguenti, o figliuolo, l'anima tua»1.

v. 131-132 . . . . . . le britanne
Vergini.

«Vi sono de’ grossi borghi e delle piccole città in Inghilterra, dove precisamente i Campi Santi offrono il solo passeggio pubblico alla popolazione; vi sono sparsi molti ornamenti e molta delizia campestre»2.

v. 134-135-136 . . . . al prode
Che tronca fe’ la trïonfata nave
Del maggior pino, e si scavò la bara.

L’ammiraglio Nelson prese in Egitto a’ Francesi l’Oriente vascello di primo ordine, gli tagliò l’arbore maestro, e del troncone si preparò la bara; e la portava sempre con sè.

Verso 154 e seg. . . . il monumento
Vidi ove posa il corpo di quel grande.

Mausolei di Niccolò Machiavelli, di Michelangelo, architetto del Vaticano: di Galileo, precursore di Newton; e d’altri grandi nella chiesa di Santa Croce in Firenze.

v. 173-174 E tu prima, Firenze, udivi il carme
Che allegrò l’ira al Ghibellin fuggìasco.

È parere di molti Storici che la Divina Commedia fosse stata incominciata prima dell’esilio di Dante.

v. 175-176. . . . i cari parenti e l’idioma
Desti a quel dolce di Callìope labbro.

Il Petrarca nacque nell’esilio, di genitori fiorentini:

v. 179. . . . . Venere Celeste.

Gli antichi distingueano due Veneri; una terrestre e sensua-

  1. Iscrizioni antiche illustrate dall’abate Gaetano Marini p. 184.
  2. Ercole Silva, Arte de’ giardini inglesi p. 327.