Pagina:Panzini - Il bacio di Lesbia.djvu/148

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
146 alfredo panzini

Non arse anche lui a quella fiamma? E flagrantia è parola cosi vicina a fragrantia, che Cicerone fa Clodia tutta profumata, rosa fragrans, mentre era sua intenzione rappresentarla fetida, come quella disgraziata di Taide.

E nemmeno Clodio è ricordato per nome, ma con un giro di parole infamanti: «il marito della sorella».

Anche Cicerone del coraggio ne doveva avere per trattare cosi un uomo come Clodio.

— Scusate, scusate, o Romani, — diceva Cicerone —: io mi sbaglio continuamente e vi prego di avermi perdonato: volevo dire il fratello di Clodia. Strano! Mi vien sempre da dire: «il marito di Clodia»!

Il popolo romano ride. E noi qui faremo verecondo punto.

Clodio era di «notissima libidine» e lo dice anche il mio Calepino del seminario di Padova, e l’esempio di Clodio non era di edificazione né per Clodia né per le altre due sorelle. Sta il fatto che queste nefandezze non vietarono a tutte e tre le sorelle di essere onorevolmente collocate in matrimonio.

Plutarco dice: « orreva voce pubblica che Clodio avesse avuto commercio con le sorelle», e basta!

Ma questi sono argomenti per il dottor