Pagina:Panzini - Il bacio di Lesbia.djvu/40

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
38 alfredo panzini

il pericolo? Che manchi l’agapè, che manchi l’amore, che venga meno la fede. Allora è facile diventare tiranno. Mi aiutino gli Dei!

— O Augusto, — disse Orazio commosso, — concedete che il libero uomo Orazio vi abbracci le ginocchia.

E stava per chinarsi, ma Augusto lo raccolse dicendo:

— Potete abbracciare dove batte il cuore. C’è Virgilio che va sognando libertà in certi suoi versi strani, fuor dei secoli umani : « Già ritorna la Vergine, già stanno per ritornare i regni di Saturno ». Non capisco. La Vergine è la Dike celeste? Io non so interrogarlo con quella confidenza con cui interrogo voi. Come può il presente tornare alle origini? Il passato diventare futuro?

Augusto si tacque, e Orazio rimase senza parola con la sua clepsidra in mano.

Ruppe quel silenzio Augusto, dicendo:

— Siete invidioso di Virgilio?

— Invidioso io? Tutti i difetti, fuorché l’invidia.

— Bravo Orazio. Sto pensando a un ordine cavalleresco per gli uomini senza invidia. Uno dei primi decorati sarete voi.

— Grazie. Soltanto vorrei domandarvi: perché a me soltanto avete fatto rimprovero che