Pagina:Panzini - Il romanzo della guerra, Milano, Lombardo, 1914.djvu/106

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


E, dice lei che vengano fin qui a bombardare?» mi domanda.

«Ma è un fatto che non si può sapere il numero dei morti».

***

Forse Giacomo Leopardi ha ragione quando cominciò il terribile inno ad Arimane, re vero del mondo, creatore degli uomini. Ma non lo terminò.

Tutto è vano: anche l’inno del poeta. Penso anche alla sublime canzone della Ginestra.

***

Non ho osato mai in questi giorni fermare alcuna nota sulla carta, temendo ogni mattina, all’aprir del giornale, un disinganno. Ma è oramai un fatto che nel campo di battaglia, da Parigi a Verdun, i Francesi da sei giorni ributtano il nemico. Orlando e la Pulcella ne posson gioire. No, i Francesi non vinceranno, ma i Germanici forse dovranno correggere il loro giudizio su la «imputridita» razza latina.

Intanto ammettono che i Francesi non furono mai vili.


13 Settembre.

Come è trasformata la Francia! Deroulède, che pareva un maniaco, un superstite di altre età, è morto ieri; e rivive in ogni francese. La canzonetta del De Musset,