Pagina:Panzini - Novelle d'ambo i sessi.djvu/122

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
110 novelle d'ambo i sessi


Passò ancora con lo sguardo dal pollastrino alla mia persona: due cose che forse mai egli aveva veduto in quello stato di nudità.

— Questo io non credevo — disse come nel 1916.

Che cosa non credeva? Forse che uno che adopera Dante, Machiavelli, Leopardi avesse attitudini a comperare anche un pollo? O piuttosto non credeva, era sorpreso che la lastrina di cristallo, che era fra lui e il genere umano si fosse spezzata? Perchè egli mi disse con troppo anormale effusione:

— Grazie! grazie! Grazie, caro!

Grazie di che?

Mi pareva che egli sarebbe stato felice se avesse potuto darmi tutto il resto di quel valore cartàceo e così saldar la partita, in un caso idèntico ma opposto, Enrico Castel forse sentiva che mi avrebbe ben donato le cinquanta lire, se ne avessi avuto bisogno, ma andar lui a comperare per me.... Egli quindi mi avrebbe dovuto sempre dire: Grazie! Grazie!

*

Non so perchè andandomene e cogitando a tante cose, fuori dell’ing. Enrico Castel, dicevo fra me: “se leggessimo meno pagine della scierza e qualche pagina dell’Evangelo!...„.