Pagina:Pietro Jacopo Fraticelli Delle Antiche carceri di Firenze denominate delle Stinche.djvu/7

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
8


numero di gente alla volta di Firenze, né punto diminuì, sebbene i Fuorusciti sen ritornassero dond’eran venuti. Finalmente essendosi il Cardinale portato a Prato e a Pistoja affine di quietare le dissensioni di quegli abitanti1, nè venendogli fatto di ottenere l’intento; e fallitagli pure l’impresa di costringer colla forza delle armi quei renitenti popoli, all’obbedienza; fatto certo di esser venuto in odio e ai Fiorentini e agli altri, e temendo di peggio, se ne partì il giorno 4 di Giugno, ritornando al Papa, e lasciando invece della pace, la scomunica a Prato, Pistoja e Firenze2.

Restò il Cardinale irritato pel trattamento dai Fiorentini ricevuto, e giurò vendicarsene. Avendo dunque segretamente istigati i Fuorusciti ed i Bianchi Aretini e Bolognesi, fece dai medesimi assalire Firenze3, e poco mancò che questa città, d’una parte della quale eransi per sorpresa impadroniti, non restasse in poter dì coloro. Ma vennero respinti e fugali, e molti fatti

  1. Dino Compagni, Cronaca Fiorentina, Lib. III.
  2. Elogj degli nomini illustri toscani, Lucca 1774 Voi. IV, pag. 756
  3. Giovanni Villani Croniche, Lib. LXXII. - Scipione Ammirato, Istorie Fiorentina, Lib. IV. «Ecco il passo ili Gio. Villani al luogo citato. Il detto Cardinale si pensò uno grande tradimento contro a’Fiorentini, e incontanente scrìsse per sue lettere a Pisa ed a Bologna ed in Romagna e ad Arezzo e a Pistoja e a tutti i Caporali di parte Ghibellina e Bianca di Toscana e di Romagna che si dolessero congregare tutte le loro forse e de’ loro amici a piede ed o cavallo, ed uno di nomato venire con armata mano alla città di Firenze, e prendere la terra e cacciare i Neri e coloro che erano stati contro a lui, e che ciò era di conscienza o volontà del Papa; la quale cosa era grande bugia e falsità, che il Papa di ciò non seppe niente»