Pagina:Pirandello - Sei personaggi in cerca d'autore, R. Bemporad & figlio, 1921.djvu/46

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
46 Luigi Pirandello


dette aspirazioni a una certa solida sanità morale! La Figliastra, a questo punto, scoppia di nuovo a ridere fragorosamente). Ma la faccia smettere! È insopportabile!

Il Direttore.

La smetta! Mi faccia sentire, santo Dio!


La Figliastra.

Sissignore! Ma sanità morale, lui, signore, lui, cliente di certi ateliers come quello di madama Pace!


Il Padre.

Sciocca! Per questo sono un uomo! Questa che sembra un'incongruenza, signore, è la prova più vera ch'io sono qua vivo davanti a lei! Ma se appunto per queste incongruenze mi son ridotto a soffrire quello che soffro! Io non potei vedermi più accanto questa donna (indica la Madre). Ma non tanto, creda, per il fastidio, per l'afa — vera afa — che ne avevo io, quanto per la pena — una pena angosciosa — che provavo per lei.


La Madre.

E mi mandò via!


Il Padre.

Ben provvista di tutto, a quell'uomo, sissignore, — per liberarla di me!