Pagina:Poe - Storie incredibili, 1869.djvu/269

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search




Amico,



Certo non potranno a molti andare a verso amori tanto sottilmente fantasiosi, di un’idealità direi così patologica, ne’ quali la potenza dell’intelletto si unisce e s’informa alla stessa solennissima energia del sentimento, sentimento misticamente proprio di nervi mobilissimi mobilissimi, malati, — di un sistema tutto riassunto in quel detto terribile del Magendie: «L’âme tue souvent le corps».

Nelle quali creazioni nulla trovi di quella morvidezza o plastica italo-greca che qui ispira le tele di Raffaello e di Leonardo, là ti commove con le celesti armonie di Bellini e di Rossini; ma tutto vi è nebuloso o stranio come una tradizione scandinava, anzi tutto vi è pro-