Pagina:Poemetti allegorico-didattici del secolo XIII, 1941 – BEIC 1894103.djvu/316

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
310 poemetti allegorico-didascalici

CLVIII

La Vecchia.

     «I’ lodo ben, se tu vuo’ far amico,
che ’l bel valletto, che tant’è piacente,
che de le gioie ti fece presente
4e hatti amata di gran tempo antico,
che tu sí l’ami: ma tuttor ti dico
che tu no ll’ami troppo fermamente;
ma fa che degli altr’ami saggiamente,
8ché ’l cuor che n’ama un sol, non val un fico.
     Ed io te ne chiedrò degli altri assai,
sí che d’aver sarai tuttor fornita,
11ed e’ n’andranno con pene e con guai.
Se tu mi credi, e Cristo ti dá vita,
tu ti fodrai d’ermine e di vai,
14e la tua borsa fia tuttor guarnita.»

CLIX

La Vecchia.

     «Buon accontar fa uom ch’abbia danari,
ma’ ched e’ sia chi ben pelar li saccia:
con quel cotal fa buon intrar in caccia,
4ma’ ched e’ no gli tenga troppo cari.
L’accontanza a color che son avari
sí par ch’a Dio e al mondo dispiaccia:
non dar mangiar a que’ cotali in taccia,
8che’ pagamenti lor son troppo amari.
     Ma fa pur che ti paghi innanzi mano;
ché, quand’e’ sará ben volonteroso,
11per la fé ched i’ do a San Germano,
e’ non potrá tener nulla nascoso,
giá tanto non fia saggio né certano,
14sed e’ sará di quel volonteroso.»