Pagina:Poemi (Byron).djvu/183

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il giaurro 179

» Me penitente non vedrà, ch’omai,
» E ben tu il scerni, dipartirmen’ deggio;
» Oh, perchè i santi preghi tuoi non ponno
» Tanto lassù, che quel che fu, non sia!
1265» No che ingrato io non son; ma tanto affanno,
» Credi, sperar da te non può conforto;
» Mira de l’alma, deh! l’angoscia estrema,
» E s’hai di me pietà, contempla, e taci.
» Rendimi Lejla, ond’io ritorni a vita,
1270» E supplice m’avrai del tuo perdono,
» E in Cielo allora di votive preci
» Farai tesor per me.... Vanne, blandisci,
» Solinga lïonessa a cui dall’antro
» Rapì la man del cacciatore i figlj,
1275» E la placa, se puoi. Deh, a la sventura
» Non insultar,!.... non lusingar mie pene!...

» In quei primieri dì d’ore tranquille,
» Allor che dolce è sì d’un cor nell’altro
» Versar gli affetti; là dove fiorente
1280» Il grembo è più de la natìa mia valle,
» Aveami;... ed or?.... chi sa!.... fido un amico.
» Questo, deh tu! di giovanile amore
» Pegno gl’arreca; fia memoria almeno
» Del fin mio tristo. In procellosa vita