Pagina:Poemi (Byron).djvu/69

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

il corsaro 67

Prostrate invidian di Corrado il sonno,
Ed aggrezzate ai tentennati capi
Fan dei petti sostegno in su la soglia,
Finchè stese le membra neghittose
Obblìan lor cura, e quando vien la bella,
Ergon le fronti a salutar la gemma,
Non pur chiedendo, chi, e perchè l’arrechi.

XIII.

Mira Corrado attonita, ed » oh, come,
» Dice, securo fia ch’ei così dorma,
» Mentre per sua trista cagion tant’occhi
» Ora veglian nel pianto, e senza posa
» Qui s’aggirano i miei? Deh! quale incanto
» A me il rende sì caro! I giorni miei
» Egli serbava, e le dolci compagne
» Allor da morte, e da dolor più crudo
» Forse di morte.... Ed or, che val?.... ma rotto
» De l’infelice è il sonno.... udiam.... sospira....
» Scuotesi.... è desto!....»
Erge colui la fronte,
E pel’ baglior che d’improvviso il fere,
Mal sa se veglj, e vegga. Ambo le mani
Solleva, e l’aspro suon di sue catene