Pagina:Poesie (Carducci).djvu/351

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

levia gravia 325


— Sei tu, sei tu, che al forte
Sposo poggiata da gli avelli oscuri,
Reina di virtude, il soglio premi?
36Oh sei tu, cui la morte
Trionfi maturava e i morituri
Salutâr lieti ne’ sospiri estremi?
Salutaro immortal come la bella
40Che t’irraggia la fronte esperia stella?

O surta ne gli amari
Tramiti de l’esilio, o de’ sepulti
Tra l’urne in sospettose ombre nudrita;
44Chi nel dolor t’è pari?
Chi ne la gloria? A’ barbari tumulti
Nel sol de le battaglie a pena uscita,
Tu pugni e vinci, t’addimostri e regni,
48E novo ordin di tempi al mondo insegni.

Madre e signora nostra,
Idea de’ sapïenti, amor de’ vati,
E sommo premio a chi per te moría,
52Il tuo cinto s’inostra
Nel sangue de gli eroi che Dio t’ha dati,
Verde ride il tuo velo a la giulía
Primavera d’amore, ondeggia bianco
56Il regal manto da l’augusto fianco.