Pagina:Poesie (Carducci).djvu/454

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
428 giambi ed epodi


XI.

LA CONSULTA ARALDICA15


Cercate pur se il pio siero che stagna
Nel cor d’un paolotto ignoto al dí,
Da i reni d’un ladron de l’Alemagna
4Sangue cavalleresco un giorno uscí,

Se ne la tabe che da gli avi nacque
E strugge a i figli l’ultimo polmon
Vive la colpa d’una rea che piacque
8Adultera latina al biondo Otton.

Deh dite: quante belve a cui le spade
Affondar ne la carne era virtú,
Quanti marchesi che assalian le strade,
12Quanti mitrati che vendean Gesú,