Pagina:Poesie (Carducci).djvu/456

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
430 giambi ed epodi


(E allora il pugno già contratto al brando
Ne l’opera plebea ben si spianò,
E su le labbra tumide il comando
40In lusinga servile iscivolò),

A quegli scheltri voi chiedete ancora
Le targhe colorate e il pennoncel;
E vorreste veder l’antica aurora
44Arrider mesta a un gotico bertel.

O dormenti nel giorno, il gallo canta,
Ferve il lavoro e cedon l’ombre al ver;
L’azzurro oltremarin di Terra santa
48È bava di lumaca in suo sentier.

Rendete pur, rendete a i vecchi scudi
Il pallid’ oro che l’ebreo raschiò
Ed a gli elmi le corna: io questi ludi
52A la vecchiezza invidïar non so.

E aspettate cosí ne le supreme
Gran gale, o morituri, il funeral:
La Libertà tocca il tamburo, e insieme
56Dileguan medio evo e carneval.


ottobre 1869.