Pagina:Poesie (Carducci).djvu/571

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

II Al sonetto.png



II.

AL SONETTO


Breve e amplissimo carme, o lievemente
Co ’l pensier volto a mondi altri migliori
L’Alighier ti profili o te co’ fiori
4Colga il Petrarca lungo un rio corrente;

Te pur vestia de gli epici splendori
Prigion Torquato, e in aspre note e lente
Ti scolpia quella man che sí potente
8Pugnò co’ marmi a trarne vita fuori:

A l’Eschil poi, che su l’Avon rinacque,
Tu, peregrin con l’arte a strania arena,
11Fosti d’arcan dolori arcan richiamo;

L’anglo e ’l lusiade Maro in te si piacque:
Ma Bavio che i gran versi urlando sfrena,
14Bavio t’odia, o sonetto; ond’io piú t’amo.