Pagina:Poesie (Carducci).djvu/72

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
46 juvenilia


Di Cipri ella da l’ícore
Nata d’Amor tra i baci
Tien gemme e fiamme e porpore,
0 Ciel, da le tue faci;
E conoscente figlia
114A le tue nozze il talamo invermiglia,

Allor che da le pendule
Nubi la maritale
Pioggia a la Terra cupida
Discende in grembo, ed ale
Nel vasto corpo i vasti
120Feti che tu, Ciel genitor, creasti.

Dal sangue tuo l’oceano
Tra selve di coralli,
Tra le caterve cerule
E i bipedi cavalli,
A i liti almi del lume
126Vener produsse avvolta in bianche spume.

Ed ella or deL suo spirito
Le menti arde e le vene,
Dei nuovo anno l’imperio
Procreatrice tiene,
Ed aria e terra e mare
132Soave riconsiglia a sempre amare.