Pagina:Poesie (Monti).djvu/226

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
210 SERMONE SULLA MITOLOGIA

     Nebbie soffiate dal gelato Arturo1
     Si cangia (orrendo a dirsi!) il bel zaffiro2
     15Dell’italico cielo; in procellosi
     Venti e bufere le sue molli aurette;
     I lieti allori dell’aonie rive3
     In funebri cipressi; in pianto il riso;
     E il tetro solo, il solo tetro è bello.
20E tu fra tanta, ohimè!, strage di numi
     E tanta morte d’ogni allegra idea,
     Tu del ligure Olimpo astro diletto4,
     Antonietta, a cantar nozze m’inviti?
     E vuoi che al figlio tuo, fior de’ garzoni,
     25Di rose còlte in Elicona io sparga
     Il talamo beato? Oh me meschino!
     Spenti gli dei che del piacere ai dolci
     Fonti i mortali conducean, velando
     Di lusinghieri adombramenti il vero,
      30Spento lo stesso re de’ carmi Apollo,
     Chi voce mi darà lena e pensieri5
     Al subbietto gentil convenïenti?
     Forse l’austero genio inspiratore
     Delle nordiche nenie?6 Ohimè! ché, nato
      35Sotto povero sole7 e fra i ruggiti
     De’ turbini nudrito, ei sol di fosche
     Idee si pasce e le ridenti abborre,
     E abitar gode ne’ sepolcri, e tutte
     In lugubre color pinger le cose.
      40Chiedi a costui di lieti fiori un serto.
     Onde alla sposa delle Grazie alunna8
     Fregiarne il crin: che ti darà? Secondo
     Sua qualitade natural, null’altro.


17. I lieti lauri.

29 Di vaghe forme amabilmente il vero

35-6. e fra i muggiti Delle rauche burrasche, ei sol di meste.

40. d’allegri fiori un serto

    muri: le ombre de’ morti, che venivano da atterrire di notte i viventi.

  1. 13. Arturo: stella del carro di Boote (Cfr. Orazio Od. III, I, 27), presa qui per tutto il settentrione.
  2. 14. zaffiro: azzurro. Cfr. Dante Pur. i, 13.
  3. 17. aonie rive: lo pendici dell’Elicona, in quella parte della Beozia che fu detta Aonia.
  4. 22. del ligure ecc.: bellissima fra le belle donne genovesi.
  5. 31. Chi voce ecc.: Ariosto III, 1: «Chi mi darà la voce o le parole Convenienti a si nobil auggetto?» Varano Vis. II, 223: «Or chi al rozzo mio stil darà le pronte Note all’obbietto eguali?»
  6. 34. Delle nordiche nenie?: delle malinconiche poesie settentrionali?
  7. 35. Sotto povero sole: Dante Purg. xvi, 2: «sotto pover cielo». Cfr. anche Tasso VII, 44.
  8. 41. delle Grazie alunna: tutta grazie e gentilezza.