Pagina:Poesie greche.djvu/71

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

― 63 ―

41. Di Ammiano.

Miser Nearco, il sonno a te sia lieve:
  Provarti ai cani fia lavor più breve.

42. D'ignoto.

O questo bagno Venere produsse,
  O lui dovette Venere produrre,
  Quando a lavarsi il corpo qua s’addusse 1,

43. Di Appollonida Smirneo 2.

Fitinna disse:
  Pe’ figli miei,
  O mio, Diogene,
  Prender non dei
Più moglie, quando
  Morta sarò.
  Ma quegli ad altra
  Sposa volò.
L’estinta volle 3
  Darne la pena
  Allo spergiuro
  Sposato appena.
Le nuzïali
  Stanze giù rotte
  Fece piombare
  La prima notte.


  1. Il senso è che quel bagno era bello.
  2. Fiorì Sotto Tiberio.
  3. Come ombra vindice o demone.