Pagina:Poesie italiane.djvu/61

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

59

PER MONACA





Non così ricca in Oríente appare
La Dea, che al nuovo dì schiude le porte,
Quando, lasciando il gelido consorte,
4Carca di perle, e d’ostri esce del mare;

     Come costei, che sì dimessa pare
A le viste mortali inferme e corte;
Cui rozze bende ad umil capo attorte
8Son più che gemme, prezíose e care.

     Ned altra esser già può saggia fanciulla,
Che del celeste sposo oda la voce:
11Qual prode, o Grandi? il correr vostro è nulla.

     Ben fa miglior cammin quella feroce,
Che mi seguì dal latte, e da la culla,
14E sola meco salse in su la croce.