Pagina:Politici e moralisti del Seicento, 1930 – BEIC 1898115.djvu/122

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
116 ludovico settala


LIBRO QUARTO

DELLA RAGION DI STATO DELLA VERA REPUBLICA


Proemio.

Cap. I—Quale sia la republica commune, e come si conosca differente dalla republica popolare, o democrazia.

Cap. II — Che questa republica, se bene è piú rara, è piú durevole e ha bisogno meno dell’accortezza usata dalla ragion di stato.

Cap. III — Perché cosí poco scrisse Aristotele della ragion di stato di questa politía, e tanto dell’oligarchia e democrazia; essendo queste ree e quella retta.

Capitolo IV

Della ragion di stato della politía, o republica commune,
per rispetto della sicurezza del popolo.

Se bene da principio la ragion di stato da noi sotto due capi è stata ridotta, che sono gli occulti modi e accortezze, con le quali e il dominante si possi conservare, che non sia o ucciso o cacciato di stato, e la forma del dominio o republica sia conservata nel suo stato, né mutata in altra forma: in questa forma però di republica commune a tutti, non potendosi per cause interne distruggere il dominante, per essere tutto il popolo, circa quella prima parte adunque solo sará da proporre il modo da difendersi dalle cause esterne, cioè dagli inimici, li quali o per aggrandirsi di stato, o per invidia, o per altra causa cercassero di distruggerla. Nel che ancora non mi pare di dovermi allargare: perché e i pericoli, che soprastanno ai popoli dagli inimici esterni, sono i medesimi che sono nelle altre specie di republiche, e i rimedi sono i medesimi. Però quello che fin qui si è scritto per difesa dei monarchi e degli ottimati, e quello