Pagina:Politici e moralisti del Seicento, 1930 – BEIC 1898115.djvu/123

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

della ragion di stato - iv 117


che pure a questo proposito ho da scrivere, che si ha da fare per difesa de’ tiranni, de’ pochi e del popolo, potrá servire a questa parte della politía commune: come il foritficar d’avvantaggio la cittá, dove è il gran consiglio; fornirla e di tutte le cose necessarie in guerra per difesa; ben fornirla di vettovaglie; armare e agguerrire il popolo; presidiare i confini; aver buone spie ne’ vicinati; e simili cose, che rendano deboli i pensieri degli invidianti.

Capitolo V

Della ragion di stato della politía,
per conservare la forma di tal republica.

Se il popolo nella politía non fuggirá l’error commune di tutti i popoli, che presupponendo il fine delle republiche la libertá commune, pensano per questo ancora che commune debba essere non solo la elezione de’ magistrati, ma egualmente ancora i magistrati stessi: non potrá mai durare o conservarsi tal forma di republica, pensando che l’uguaglianza che si ha da servare nella republica debba essere l’aritmetica, cioè la distribuzione degli uffici e magistrati, non fatta distinzione di persona; essendo che questa uguaglianza di numero non è atta alla conservazione d’una republica, non essendo ogni uno atto ad ogni carico: ma bene la geometrica, nella quale e secondo le condizioni e qualitá di persone si fa l’elezione e la distribuzione degli uffici e de’ magistrati. E in questo la politía commune è differente dalla democrazia: perché in questa si usa la distribuzione aritmetica, e in quella la geometrica. Però se si vorrá conservare contento tutto il popolo d’avere l’autoritá d’elegger le persone per i magistrati, essendo posta in questo l’autoritá detta dai greci politeama, eleggerá ai magistrati gli uomini piú eccellenti e a render ragione al popolo piú atti, distribuendo gli uffici minori a’ minori del popolo; servando però almeno in parte la giustizia appoggiata all’ugualitá geometrica.

Quelli che averanno i magistrati, benché dovranno esser severi osservatori della giustizia, saranno però nell’eseguirla