Pagina:Postuma.djvu/128

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Postuma Sacchetti 125.jpg



LVII.


AD UNA GIOVANETTA CIECA


 OH, non dolerti, no, bella infelice,
Se veder non t’è dato il nostro mondo:
Così bello non è, così giocondo,
4Povera cieca, come il cor ti dice!

    Tu la bestialità fornicatrice
Ghignar non vedi agli occhi nostri in fondo;
A te il desio brutal, l’istinto immondo,
8La nostra infamia a te veder non lice.

    Scorda i fantasmi che la mente sogna
E il perduto veder di che ti duole:
11La beltà cui tu credi è una menzogna.

    Tra l’erba verde e le fiorite aiuole
Trascina il rospo vil la sua vergogna;
14Beati gli occhi che son chiusi al sole.


Postuma Sacchetti 18.jpg