Pagina:Programma per la gran linea di via ferrata negli stati pontifici.djvu/6

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

7


per ciascheduna. La sede principale di codesta Impresa, e quindi della Società relativa, sarà in Bologna ed avrà i suoi Comitati corrispondenti nei Capi-luoghi delle Legazioni e Delegazioni per le quali passa la linea.

Alla seconda linea da Ancona a Roma dovrà essere formato un Capitale di dieci milioni di Scudi romani (pari a lire Italiane 53,726,296) rappresentato da 100,000 azioni di Sc. 100 per ciascuna. La sede principale di questa Impresa, e quindi della Società relativa, sarà in Roma ed avrà i suoi Comitati corrispondenti, in Orvieto, in Perugia ed Ancona.

Quanto alla terza linea da Roma al Mediterraneo, con braccio per Ceprano, della quale è già in costruzione il primo tratto da Roma a Frascati, sono aperte le trattative occorrenti colla Società Pio-latina già stabilita in Roma stessa, per eseguire di comune intelligenza questa parte importante dell’Intrapresa, come sarà a suo tempo indicato con apposito manifesto.

Dei sottoscritti nel presente Programma, i due primi si dedicano più specialmente alla formazione delle due Società, che si propongono la costruzione delle due linee che formano la gran congiunzione dei due Mari con Roma per centro; ed il terzo si occupa principalmente di quella che deve traversare le Legazioni da Bologna ad Ancona. Ciò non ostante le tre Imprese ed i tre Promotori delle medesime, scambievolmente si daranno cura per la buona, riuscita di ciascheduna, i Comitati corrispondenti accoglieranno e promoveranno reciprocamente soscrizioni per le tre Imprese, e segnatamente il Comitato di Ancona, punto d’onde si distaccano le due linee per Bologna e per Roma, avrà cura speciale anche degl’interessi della prima, di piena intelligenza in ciò col Comitato di Pesaro.

Le condizioni da stipularsi a suo tempo col Governo Pontificio nell’interesse dalle tre Società indistintamente, avranno per norma il Capitolato e lo Statuto della vigente