Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/110

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 106 —

a chasa. Ëi quë́rda tĕ calonia, quĕ na půra vèdla è per morí. L mònĕ alda questa cosa e dige: „Quëst è ůnfatt ël, iʼ vegne pa begn iů”. Ël salta e i segna fora lʼ anima alla půra vèdla. “Ah, mo quël mònĕ è bráo, tan que n corat”, dige la gent e i la conta al corat da sëra quan quʼ ël vegne. „Co as pa fatt, mònĕ, a i signè fora lʼ anima a quëlla vèdla?” damanna l corat. „Pò, a ves di la oritè, iʼ a mèfo ditt dant les plů bèlles e santés paroles.” “Pò, quales pa?” „Pò quëlles quĕ digès a consagré lʼ ostia e l calege tla santa mëssa.” „Oh, razza maladëtta den tèce, quilló nʼ as fatt na bèlla; şegn lʼ as consagrada quëlla vèdla, şegn mësses paʼ chi tla mangiè.” „Oh, ghéderla, iéderla1, quël nĕ nʼ ái sapů́ iů; důta quëlla gran vèdla, tĕ na òta mangiè! scʼ ël fossa n pice toc alla òta!”

Da Pasca l më́na vignʼ an l corat ia dal degan dĕ Marô a tó lʼ èlĕ sant. A gni da Tornarë́cia sů tòmmel e frůzza la cassë́tta dallʼ èlĕ sant e quëš regòrre2 fora sůlla në́i. „Chi dan dĕ queš bèll èlĕ”, sĕ pensel e onge i

non era a casa. Chiamano in canonica, che una povera vecchia è per morire. Il sacristano ode ciò e dice: „ Ciò non fa nulla, ci vengo ben io. " Egli vi accorre e raccomanda a Dio l’anima della povera vecchia. „ Eh, quel sacristano è bravo al pari d’un curato," dice la gente e racconta (tutto) al curato, quando torna la sera. „ Come hai fatto, sacristano, a raccomandar l’anima a quella vecchia? " domanda il curato. „Ma, per dirvi il vero, ho recitato le più belle e le piti sacre parole." „ Quali dunque?" «Ma quelle che dite alla consacrazione dell’ostia e del calice nella santa messa. " „ Oh, maledetto d’uno stupido, qui ne hai fatto una bella, ora l’hai consacrata quella vecchia, ora bisogna anche mangiartela." «Oh, me misero, questo non lo sapeva; mangiar tutta quella gran vecchia in una volta! fosse almeno un pezzetto alla volta!" Da Pasqua il curato lo manda ogni anno dal decano di Marebbe a prender l’oglio santo. Venendo egli su da Tornerécia casca e rompe la cassetta dall’oglio santo, e questo si spande sulla neve. „ Che danno di questo

  1. Esclamazione di dolore, però poco in imo.
  2. =: degòrre; cfr. Gls.