Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/111

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 107 —


chalzá para. „Ah, iéderla, chi půdĕ1 quĕ l corat fageô; ël mʼ orô crazzé sů i dë́itʼ colla brittola, e mʼ a boršè i chalza tĕ fornèll. Na tala nĕ nʼ èssi mai credů!”

.

Fiat iustitia!


Doi frédeš Maròi sʼ ava battů́ dër da sën. Důtʼ l savóa e inche Signoria lʼ a inrescí. Ëi sĕ tëme trammi doi dĕ gni sërá ia. „Un o lʼ ater messons gi a plorè, scĕ no vala mal.” „Iů nĕ nʼ a dela orèlla iů, va pů ma tů.” „Begn, Begn”, dige quël quʼ ava asquéš rott l chè a so fré, „spo vai mèfo.”


Marò: Signor Locárĕ2, iʼ son quilló a plorè.
Vicar: Inscí? qui tʼ a pa fatt valc?
M: Degůnʼ, mo iʼ a pocè3 mí fré.
V: Mo spo mëss gni to fré a plorè, no tů.
M: Mi fré nĕ nʼ a dela orèlla ël.
V: A mé mĕ pél, quĕ tʼ īs4 l chè gros.

beli’ oglio ", pensa lui e ne unge le sue scarpe. „ Oh, misericordia, che lamenti che ne fece il curato; egli voleva raschiarmi le mie dita col coltello, e mi brucciò le scarpe nel forno. Cosa simile non avrei mai creduto! **

Fiat ìustìtìa!

Due fratelli Marebbani s’erano azzuffati fortemente. Tutti lo sapevano ed anche la Giustizia ne ebbe sentore. Tutti e due aveano paura d’essere imprigionati. „ L’uno o l’altro deve andar a dar r accusa, altrimenti le cose vanno male." „lo non ne ho tempo, vacci pur tu." „Bene, bene, allora ci vado dunque io % dice colui che aveva quasi spaccata la testa al fratello.

Marebbano: Signor Pretore, sono qui per dar’un’accusa.
Pretore: Davvero? chi ti ha fatto qualche cosa?
M: Nessuno, sono io, che ho battuto mio fratello.
P: Ma allora bisogna, che venga

il fratello a muoverti lite, non tu.

M: Mio fratello non ne ha tempo.
P: Sembrami, che tu abbia la testa gonfia.
  1. fa pùdé = lamentarsi; pùdé dal lat. pudet.
  2. Il Marebbano dice» Locare* invece di, Vicar*.
  3. pocè:= battere, deUa medesima radice che >pùcia«.
  4. is = aies.