Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/112

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 108 —


M: Quël bëgn quël, mo mi fré lʼ a chamó plů gros ël.
V: Quëst nĕ sonsi bon dĕ crë́ie.
M: Pò pò, quël begn quël; nos on n star colla stramèssa dĕ fér; mi chè pó begn itĕ ël da na pért, mo quël dĕ mi fré no.

La farina al vent.


Ia Collfòsc fôl na té půra vèdla patrona, quĕ vignʼ òta quʼël giva l vent e orlava sů per chamin, torô na chaza de farina, giva fora da antoré dĕ porta e i la tirava al vent: „Tòi, tòi1, půrĕ coscio, vaten e fatĕ na jůffa para.” L vent sĕ portâ ia la farina scèque stůp. Olla sërála mo revada quëlla farina?

A chi qn’an connésce i Ladins de chi luc qu’ei è.

Marò: Oh tu, das ca to formént?
Rinna: Tu, n’as nia na té crucia2

da venne?

Antermóia: Tu, èl dlacé to orde

sùn Fornèlla?

La Val: Tu, lèqui tu bòs?
M: Sicuro, ma il fratello l’ha

ancora più gonfia.

P: Questo non posso credere.
M: Sì, sì, sicuro; abbiamo uno

staio con un tramezzo di ferro; la mia testa può entrarvi da una parte, ma non così quella di mio fratello.

La farina al vento.

A Collfosco e’ era una povera vecchia padrona, che ogni qualvolta tirava il vento e fischiava su pel camino, prendeva un ramaiuolo pieno di farina, andava fuori sul pianerottolo della porta e la gettava al vento: „ Prendi, prendi, povero coso, vattene e fattene una farinata. " Il vento si portava seco la farina come polvere. Dove sarà ella mai arrivata quella farina?

A che cosa si conoscono i Ladini di dove siano.

Marebbe: Ei, vuoi tu vendere il

tuo frumento?

Rinna: Tu, non hai tu qualche

vecchia vacca da vendere?

Antermóia: Tu, è ghiacciato

l' orzo su a Fornèlla?

La Valle: Tu, leccano i tuoi buoi?
  1. L’imperativo di tó(5* nella forma tòi* premette un toli; la forma regolare è, tè«.
  2. cfr. Glos. 8. crocia.