Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/114

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 110 —
Collfòsc: qui da lassù.
Corvara: qui da „làsceme

pége«. in Bètta dalles gonelles1

lùn Badia fól na té vèdla mùtta méssa matta, que fageó de vigni sort de fonzions tè dllsa do messa. N di sé presentela do messa su da pont d’alte a brace spanna e mette man dadalt: „Sigmir Iddi, i’ tè riugràziè de vigni begn què t’m’as fatt e incù tè digi n paternoster per les vaches, per les chòres, per les alches e per quèlles vidèlles ite per lonoréi2; spo diamo n paternoster per 1 sacram’ént del matrimonio, qu’i’ orèssa incile iù avéi la grazia del recève(r).

L mat e l porcèll.


Tĕ na bona chasa i déven dadoman al porcèll mèssa na gran fana dĕ scarté avanzé. Ël cápita3 n té půrĕ mat quĕ pativa na fan da lů e prë́ia: “Mëda4 patrona, iʼ ves prë́ie lascèmmĕ gosté col porcèll illó, iʼ a tan fan.” “Vátenĕ bůr mat.” “Mëda,

Collfosco: quei di lassù.
Corvara: quei dal j, lasciami in

pace *. Elisabetta dalle gonnelle. In Badia c’era una vecchia zitella mezzo pazza, cbe dopo messa faceva ogni specie di atti in chiesa. Un giorno dopo messa ella si presenta ai cancelli dell’altare colle braccia stese e comincia ad alta voce:, Signore Iddio, io ti ringrazio d’ogni bene fattomi ed oggi ti recito un paternoster per le vacche, per le capre, per le oche e per quelle giovenche che sono al pascolo di lonoréi; poi ancora un paternoster pel sacramento del matrimonio, cui pur’io vorrei aver la grazia di ricevere. Il pazzo ed il porco. In una casa di benestanti si dava la mattina al porco una padella per metà piena della farinata avanzata. Vi capita un povero pazzo, che pativa fame lupina e prega: „ Comare, padrona, vi prego lasciatemi far colazione col porco là, ho tanta

  1. Sopranome.
  2. Pascolo in Badia; si osservi qui che > vaches, chòres, alches, vidèlles* in senso figurato possono anche significare donne di cattivi costumi.
  3. = arcàpita; cfr. Glos. s. arcapitè.
  4. intoro al significato di,meda«cfr. Glossario; conisponde al significato di questa parola nel dialetto trentino la parola, comare.*