Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/115

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 111 —

bona mëda, prë́ie pů tan bèll, iʼ mu̥re da fan.” “Nia, vatene, scĕ no quërdi l chan; l scarté è del porcèll ël.” “Begn, mëda, iʼ ó pa priè l porcèll, forsci quʼ ël sĕ më́na pichè dĕ mé. – Porcèll, bèll gran porcèll, iʼ tĕ prë́ie tan bèll, láscemĕ mangiè con té”. L porcèll i chara, mo nĕ capësce nia chi quĕ quël půrĕ om ó. Alla fin sĕ stůffa ʼchi l mat, pë́ia l porcéll tʼ les orë́dles e l scíora ten piz e sĕ mangia fora l scarté. Důt content sen val da porta fora l půrĕ mat digean: “Diolan begn fórt, porcèll, diolan begn fórt.” Mo l porcell ti charâ pa ma fètter da dessené ël. Tenʼ atra chasa dĕ půra gent vegnel n di quel mat plegn dĕ fan e prë́ia: “Mëda, bona mëda, scĕ savèsses chi fan quʼ iʼ a.” “Chʼ orèsses pa?” “Mëda, prë́ie bèll den pice zigher, iʼ i a tan la gola.” “Quilló, n zigher tĕ dai begn,” “Oh mëda, na té grazia nĕ mʼ a fatt degůnʼ chamó.” Iʼ prëie pa quël bèll Dī, quʼ ël sĕ tole quel bèll pice můt sůn paraíš; charède pa, quan quʼ iʼ vegne pa nʼ atra òta, èl pa sůn paraíš quel pice.” “Oh, ël è mat,” sĕ pensa la mëda. Mo ëlla è stada

fame. * „ Vattene, brutto matto. * „ Comare, buona comare, vi prego di vero cuore, muoio di fiime. ", Niente, vattene, altrimenti chiamo il cane; la farinata è per il porco. " „ Bene, comare, voglio pregar’il porco, forse avrà compassione di me. — Porco, bel porcone, ti prego di tutto cuore, lasciami mangiar teco. " Il porco lo guarda, ma non capisce nulla di quel che vuole quel povero uomo. Alla fine anche il pazzo perde la pazienza, piglia il porco per le orecchie, lo scaraventa in un cantuccio e si mangia tutta la farinata. Tutto contento il povero pazzo sorte dalla porta dicendo: „ Dio telo meriti tanto, porco. Dio telo meriti. ** Il porco però lo guardava piuttosto sdegnosamente. Il medesimo pazzo un giorno viene afFam.ato in un altra casa di povera gente e prega: „ Comare, buona comare, se sapeste, qual fame patisco. " „ Che cosa vorresti?" „ Comare, vi prego d’un formaggio, mi piace tanto. * a Eccoti, un formaggio telo do bene. ", Oh comare, una grazia tale non mi fece ancora nessuno. Pregherò il nostro Signore, che si prenda questo vostro bel bambino in paradiso; vedrete, quando tornerò un’altra volta, questo piccolo sarà in paradiso. «„ Oh,