Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/116

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 112 —


inscí ëlla; l pice sʼ è ammaré e mu̥re prëš; mo l mat vegne a mangiè cannifli1 ël pro cëna da mort.

Nĕ nʼ è nia vëi.


N půrĕ pë́tler prë́ia n gran signůr dĕ val da mangiè, quʼ ël a tan fan. “Scĕ tʼ as fan, spo as la miů́ cu̥ga”, dige l signůr. “No, no, quël no quël; scĕ la fan fossa la miů cu̥ga, ves la tignisses pa begn òs sciòri e nĕ la lascasse a nos půri arfamá2 no.”

N mat.


Na òta fôl n mat jů alla Val dër devot. Quan quʼ ël gī a di les stazions, gīl da ůna allʼ atra, i charâ n pèz a Giešú Cristo e ai jodís, mettô man dĕ pitè e digeô spo a Giešú Cristo: “Oh půrĕ diao, půrĕ diao, ʼchi mé quĕ tʼ aras abů́!” spo sĕ dessenâl contra i manegoldi, i taccâ la můsa e digeô: “mostri del

egli è pazzo", pensa fra se la donna. Ma pure avvenne così; il ragazzino ammalatosi poco dopo sene muore; il pazzo però viene a mangiare le paste alla cena, che tiene dietro alla sepoltura. Non è mica vero Un povero mendico prega un gran signore di qualche cosa’ da mangiare avendo egli gran fame. „ Se hai fame, allora hai il miglior cuoco", dice il signore. „No, no, questo no poi, se la fame fosse il miglior cuoco, vela riterreste voi signori senza lasciarla a noi poveri affamati. " Un pazzo. Una volta giù alla Valle c’era un pazzo assai divoto. Allorché andava alla via crucis, si portava da un quadro all’altro, guardava per un tratto Gesti Cristo e gli sbirri, cominciava a piangere dicendo a Gesti Cristo: „ Oh povero diavolo, povero diavolo, che dolori non avrai tu sofferto! " di poi si arrabiava contro

  1. Deriva forse questa parola dal»inittelhd. knopfelìn* (piccolo bottone); così»Kiiopfli* nell’idioma del Vorarlberg e della Svizzera si chiama dò, che da noi ha nome»gnoc*; cfr. il trentino»canedali«dal tedesco Knodel; così si avrebbe Knodfelìn — Canopfli — cannifli; si cfr. anche il fr. garnir dal ahd. warnón.
  2. = affama.