Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/140

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 136 —

vin1 champ dĕ lʼ assíster, e adés la váĕ, sĕ no lʼ arà da fér con ich doi. Anda Churia sĕ con partir e gir tĕ la Lasties col strion.


.


La itĕ lʼ a rincurá el piccol dela stria e dapó la volèa sin tornér a chésa, ma el strion no lʼ a lascéda e íe dige: „Commérĕ, tollè quiš zoppíĕ e finquè no i aèdĕ foré, no podèdĕ gir fora Mortice. - Grétèlĕ con obbedír; stéš e stéš e i zoppiĕ mai no sĕ sbugèa; la partorècha era levéda ja da pèz; el piccol vegnia fierúscol; la comméres les è doventédes amiques; in ultima la Churia dige alla stria: “Commérĕ, iè vĕ prèĕ, lasciámĕ gir a chésa.” La stria respon: “Iè no mĕ fidĕ, sĕ no quél om mĕ sbrèga, ma spettá, quĕ vĕ diderè; tollè un ábet e sfréá i zoppiĕ dĕ sott e da itĕ fagè tréi crouges, dapó i sĕ fierá2.” Grétèlĕ obbedèsce, indoman i era ja sbugé. La quiama el strion, íe móscia i zoppíĕ foré e vèl par


è in letto ed ha bisogno di te. * Gretele non voleva andare, ma egli le rammenta, che ella avea promesso pochi giorni prima nel campo di venire ad assisterla e (le fece capire, che ora conveniva che) andasse con lui, altrimenti ella avrebbe avuto da far con ambedue. Donna Churia deve partire ed andare alle Lasties collo stregone. Là ebbe cura del neonato della strega. Quando in seguito volea tornarsene a casa, lo stregone non glielo permise, ma le disse: „ Comare, prendete queste pianelle e finché non le avete (sdruscite e) traforate (coi piedi), non potete ritornare a Mortice. " A Gretele conviene ubbidire; ella ci resta (un pezzo) e (ci)resta (ancora), ma le pianelle mai non si vogliono forare; la puerpera avea già da lungo tempo abbandonato il letto; il piccolo crescea rubicondo e le comari erano divenute amiche; finalmente la Churia disse alla strega: „ Comare, vi prego, lasciatemi andar a casa. " La strega rispose: „Io non posso azzardarmi (a far ciò), altrimenti il marito mi sbrana, però aspettate, che vi aiuterò; prendete un’abi

  1. vin =r via — in.
  2. fiér = it. fi-ugare.