Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/141

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 137 —


tir. El lʼ a capí, quĕ zèquĕ da benedí lʼ a tradí, sʼ iníra, tol ca un béll pè dĕ chuzé néves, e íe dige, quĕ la sin váĕ, ma quĕ con qui no la stáĕ a gir tĕ térra sagréda, e élla a podú sin gir.





In Capuín1, Grétèlĕ a volú gir fora Champedéll a chapér el cénder benedí. L’ era bélla strédes e la sĕ a tóut i chuzé del strion. la a gir su per la portegáes lʼ a scontrá un gran giat griš, quĕ íe maolèa; álla sĕ a sperdú, ma no i è vegnú tel chèf dei chuzé; va te Cortina, sĕ léva un tólmen2, Grétèlĕ è tĕ anter e el sĕ lʼ a portéda in quél sént dela chaura del Ponz3 e no sĕ a mai piú sapú sápia4.

tino e con esso stropicciate al di sotto le pianelle e fateci al di dentro tre croci; poi esse si logoreranno. Gretele ubbidì e L' indomani le pianelle erano già forate. (Allora) essa chiama lo stregone, gli mostra le pianelle forate e domanda di partire. Quegli capì, che qualche cosa di benedetto l’avea tradito, s’arrabbiò, prese un bel paio di scarpe nuove e (nel dargliele) le disse, che sene andasse pure, ma che con quelle non mettesse piede in terra consacrata, e le fu concesso di partire.

Il mercoledì delle Ceneri Gretele volle andar fuori a Campitello onde ricevere la cenere benedetta. Le strade erano belle ed ella si mise le scarpe dello stregone. Già sulla porta (del cimitero) incontrò un gran gatto grigio, che le miagolava; ella ne ebbe paura, ma non le venne in mente delle scarpe ed entrò nel cimitero; (in quel punto) si leva un turbine, Gretele fu frammezzo ad esso, ed il vento se la portò in malora, ne mai più si ebbe notizia di lei.

  1. Capuin, od anche Capiùn, cfr. Glos s. capion.
  2. tólmen = turbine.
  3. Ponz è nome di famiglia; la frase significa: portar in malora, — a casa del diavolo.
  4. sàpia = notizia, contezza.