Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/142

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 138 —


Vendètta dĕ na stria.


Bértol Maghért da Mazzin èa fení dĕ seér sa mont e con si értʼ sin gia a chésa. Lʼ era un gran chaut e dut serèn. Per stréda véit sun un ciuc na piccola vèia colla capa bruna, vestida dĕ vèrt e sentéda ju. Rúa da vegín e capèsce, quĕ lʼ è na stria. „Volassèdĕ amó, vo Bortol, bon tèmp o no?”, dige ella e Bértol íe respon: „Bon tèmp dĕ ca o bon tèmp dĕ la, bon quĕ è mi fèn tĕ tobiá.” „Vegní ca mingol a pèdĕ mé”, dige indó la stria. „No, no”, respon Bértol, „con dĕ sta gènt no mʼ impázzĕ”, e sin va. La stria íe crida do; “I corgn dures si con batter” e scompér. Sul momento sĕ snigola; ca dĕ do Lousa vèn scur; vènta, scoménza a tonér, a tarluér e l’ a tampestá tan sobito, quʼ el mónèc da Mazzin no lʼ è niènchĕ ruá a soner dal tèmp e scí lʼ era lo da vegín; e Maghért dalla sperduda lʼ è vegnú fora dĕ sĕ, e finquĕ Madaléna1 no lʼ a tout

Vendetta d’una strega.

Bortolo Magbert di Mazzin avea finito di segare sulla montagna e sene andava a casa coi suoi istrumenti. Faceva un gran caldo ed era tutto sereno. Per istrada vede seduta su d’un ceppo una vecchierella con in capo una berretta azzurra, vestita di verde. Giuntole da vicino conosce, che è una strega. «Vorreste, voi Bortolo, che facesse ancora bel tempo o no? " dice ella, e Bortolo le risponde: „ Bel tempo di qua, bel tempo di là, va bene, che ho il fieno nel fenile. " „ Venite qua uu poco appresso di me *, dice nuovamente la strega. „No, no", risponde Bortolo, „ con gente simile non mene impaccio ", e sene va. La strega gli grida dietro: „ Sulle corna dure convien battere" e scompare. In un momento il cielo si copre di nubi; al di qua del (monte) Lousa (tutto) si fa scuro; si leva il vento, incomincia a tuonare e lampeggiare e la tempesta sopragiunge con tal celerità, che il campanaro di Mazzin non arrivò nemmeno a suonare (le campane) per fugare il tempo’)

  1. nome della campana