Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/145

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 141 —


mingol. „Adés bésta”, dige el Sbóf; mètt la pégna sun cassabanco, chéria el squiop e íe tira; lʼ a fatt tan el gran colp, quĕ la chésa a tremá; la pégna sʼ a sfennèt; lʼ è bèn vegnú fora mingol dĕ brama e lʼ a fatt squè na crouge; ma appèna quĕ la stria a chapá el colp, Saslènc lʼ è stat spazzá, la pégna è vegnuda e el Sbóf da in lóuta indó no lʼ a mai piú abú da sĕ lamentér per vegnír la pégna. I pitʼ.


Un an dʼ aòst lʼ era vegnú tan la gran quantità dĕ pitʼ, quĕ i èa magná ja dutʼ i capúge e i gia pian pian tĕ la fiéa1. Dutʼ grames no i saèa quĕ sént quiammér a sĕ librér. Na fémena va dal curat; lʼ èa studiá doi scola néigres e lʼ era bravisšimo dĕ benedír da cattif, e per el tèmp; ella íe conta dei pitʼ, del dan e lo prèa dĕ conséi e dʼ aiut. El íe commanna dĕ íe portér do tréi pitʼ da nascóus e dĕ no dir nia a nesšugn, sĕ no nol pèl fér nia.

tiva persona o strega, che fece il mal’augurio alla sua zangola. La moglie vien dentro e dice, che giù in fondo alla valle s’è fatto un po’ sereno. „ Adesso basta", dice lo Sbof; egli mette la zangola sopra un cassabanco, carica lo schioppo e spara; il colpo fu sì forte, che la casa ne tremò; la zangola si fesse e ne uscì un po’ di crema, che fece (sul pavimento) come una croce; ma appena che la strega fu tocca dal colpo. Sasso lungo fu libero (dalle nubi), ed il burro (nella zangola) si raccolse e lo Sbof d’allora in poi non ebbe mai più a lamentarsi nel battere il burro. I bruchi. Un’anno (nel mese) d’Agosto apparve una tale quantità di bruchi, che dopo aver divorati ormai tutti i cavoli andavano pian piano nelle frugi. La gente tutto sconcertata nonsapevaqual santo chiamar (in aiuto) onde liberarsene. (Allora) una donna va dal curato, il quale avea fatto due corsi di negromanzia ed era bravissimo, quando si trattavii di ben benedire e di fugare i temporali; ella gli racconta dei bruchi e del danno (cagiona*)

  1. la fiéa =,la figlia*,» figliuola*, significa le frugi nel campo (unite allo stabile).