Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/146

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 142 —



.


Indoman la fémena va coi pitʼ tĕ na scatola e i i déš al curat; lʼ a tóut ca un gran liber, lʼ a fatt na vista scura e scomenzá a slatinér; lʼ a avèrt la fenèstres e co lʼ a scomenzá a fér colla man crouges e a dir „benedictus” o “maledictus”, la fémena a cognú gir fora dĕ cambra e piú tért el lʼ a manéda a gir tréi óutes intorn calógna. Co el curat lʼ a abú fení, el lʼ a quiaméda, íe a dat na bócha dĕ èga sénta e lʼ a ditt: „Qui quĕ lʼ è i pitʼ, no vĕ díĕ, ma mazzér no i podon, i cognon confinér valgónder; vo gí sun champ, tirá èga sénta demó tĕ tréi chantons, el quarto lasciálo avèrt, perchè da quél i pósše sciampér; ich i girá vin quélla créppes, i magnerá dut, i fará ròss e i distruggierá ènchè la réiges dei zopóns1 e co i ará fení quél toc quĕ íe asségnĕ i cognerá crepér.”

tone) pregandolo di consiglio e d’aiuto. Egli le ordina di portargli nascostamente due o tre bruchi, e di non dir cosa a nissuno, altrimenti non potrebbe far rulla. Il giorno seguente la donna vi va coi bruchi in una scatola consegnandoli al curato; questi dopo aver preso un gran libro con faccia oscura cominciò a leggere latino; aprì poi le fenestre facendo segni della santa croce colla mano e proferendo (le parole) „ benedictus" e „maledictus ", mentre la donna (intanto) dovette abbandonar la camera, (finché) più tardi egli le ordinò di andar tre Volte intorno alla canonica. Il curato dopo aver terminato tutto la chiamò, le diede una bocca d’acqua benedetta dicendo: „ Chi siano questi bruchi, non vi dico, in ogni caso non possiamo ucciderli, dobbiamo confinarli in qualche luogo; andate su nel campo, aspergetevi dell’acqua santa però soltanto in tre cantoni, lasciate aperto il quarto, affinchè (i bruchi) da quella parte possano scampare; sene andranno in quelle rupi, vi divoreranno tutto, (in maniera che) renderanno rossetto il terreno, anzi distruggeranno le

  1. cfr. glos. s. zoppa.