Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/147

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 143 —

— 143 —

.

.

Coši la è stata: doi égn do sĕ vedèa amó ròssa quélla péla, olláquĕ i è statʼ confiné.

Lʼ ónt e el liber.


Vaièrĕ tĕl gir a fíera lʼ a quiamá tĕ na ostería; i èa ingigná a menér la pégna. Lʼ ost lʼ è git sora uš, lʼ a tout un fiésc, smòa1 itĕ un déit e con quél lʼ a ont la pégna; lʼ a mená mingol e lʼ è vegnú tant la gran quantitá dĕ smauz, quĕ in sará stat segúr mèssa na carrètta. Vaièrĕ lʼ a spettá quĕ sʼ in váĕ dutʼ dĕ fora, e dapó lʼ è git a íe robér dĕ quél ont tĕ fiésc. Va a chésa e indoman, quĕ lʼ era fèsta, lʼ a commanná alla patrona, quĕ la ingígnĕ a menér la pégna intant mèssa; ella no volèa, perquè lʼ era massa pècha brama, no paèa la spéisa a menér, ma lʼ a cognú obbedír. Dutʼ va a gieša e Vaièrĕ rèsta soul; el séra lʼ uš dĕ mašon e scoménza a menér la pégna;

radici delle zolle e dopo d’aver terminato il pezzo loro assegnato dovranno crepare. " Così avvenne anche: due anni dopo si vedeva ancora rossetto quel peadio, ove erano stati confinati.

L’unto ed il libro.


Valerio andando (una volta) alla fiera si fermò in un’osteria, vi era (tutto) preparato per batter la zangola. „ L’oste stese la mano sopra l’uscio, vi prese un fiasco, ci intinse un dito, col quale unse la zangola; sbattè un poco e ne ebbe una sì gran quantità di burro, che sicuramente ne sarà stato mezzo un carro. Valerio dopo avere atteso finché tutti furono sortiti andò a rubar di quell’unto nel fiasco. Sene ritornò a casa ed il giorno seguente, che era festa, ordinò alla patrona, che gli preparasse per batter la zangola durante la messa; ella non voleva (farlo), perchè e’ era troppo poca panna né meritava la spesa di sbatterla, però (finalmente) dovette ubbidire. Tutti vanno in chiesa e Valerio resta solo; chiude la porta della casa e comincia a batter la

  1. smoér = rendere umido, intingere, dal lat. mollis: è probabilmente della medesima radice che il lad. smoia; cfr. glos.