Pagina:Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali.djvu/67

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 63 —

e da quëš d’invèr levines dĕ në́i e d’istè saš zenza fin.

alla croce di ferro, la quale gli fu ficcata dal piovano di Livinallongo nel cranio, mentre l’estremità della coda si trova sotto il focolare di Francia. Allorchè questa bestia si muove, trema tutto il monte e da ciò l’inverno le valanghe e nell’estate sassi senza fine.

L gì a dĕ nètt.

T. d. O. e C. d. R. fó da jón’doi der mat’ei. San 1 bèli, l gì a dĕ nèfct è dagnòra stè osanza el ia Collfòsc. Éi fova pa begn n pii massa ri qui pèstes e l pure corat sè scraiava fora l’anima a perdiquè dĕ centra; più qu’el fageò e pèsso qu’èl fó.


Na nètt tòli na litra e va su sùn na finèstra, ollàque la mùtta i aspetta; an sa bèli, quĕ les èlles è dagnòra pèsso qu’i èi, fège pa les devótes inquina qu’elles òiè. Tè na òta vèghi sensòm la litra n om fòsc tei mtìs, vestì bèli vèrt dĕ velili; èi sè spèrdè tan a l’odei, qu’èi ne s’infida ’chi più a tra l flè ne e sen sciampa tan snèll ia Rice2 , qu’ èi ne sa instess no, sc’èi è begn geùt’o salta o scè vai dĕ ri i a porte per aria. Ilio èsi spo sta

L’andar vagando la notte.

T. d. O. e C. d. R. da giovani erano assai discoli. Convien sapere, che l’andar vagando la notte fù sempre in uso a Colifosco. Erano ben un pò troppo cattivelli quei due ed il povero curato nelle sue prediche sfiatavasi gridando contro quell’abuso; però quanto più gridava, tanto peggio andava la cosa. Una notte prendono una scala e salgono alla finestra, ove la ragazza gli aspettava; già si sa, le donne sono sempre peggiori degli uomini, per quanto sappiano fare le devote. Di repente vedono in cima della scala un’uomo nero nella faccia vestito di velluto verde; al vederlo si spaventano tanto, che appena possono fiatare, e scampano con tal prestezza verso Rice, che essi stessi non sanno, se siano camminati o corsi, o se qualche dia*)



  1. san =: sa-an == an sa.
  2. casa del Comune di Collfosco ad uso dei poveri.