Pagina:Pulci - Morgante maggiore I.pdf/371

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
352 il morgante maggiore.

14 Io son venuta perchè il padre mio
     Vuol ch’io ti dica quel che intenderai,
     Ch’un nostro gran nimico antico e rio,
     Se tu l’uccidi, i tuoi prigioni arai,
     E ciò che in Persia già ti promissi io:
     Non so se ricordar sentito l’hai;
     Ma molto suona la sua possa magna,
     Il Veglio appellato è della montagna.

15 E statti d’ogni cosa alla mia fede,
     Se tu farai, Rinaldo, quel ch’io dico;
     Ma dimmi come sia rimaso a piede,
     E ch’io non veggo Orlando qui il tuo amico:
     Piglia questo caval, che, per mia fede,
     Se non l’accetti, sarai mio nimico.
     Disse Rinaldo: In un deserto folto
     Rimase Orlando, e ’l destrier mi fu tolto.

16 Il me’ ch’io posso mi son qui condotto:
     L’amor ch’io porto a Antea me lo fa fare,
     E son venuto a piè più che di trotto;
     Nè voglio altro caval mai cavalcare,
     Insin che ’l mio Baiardo non m’è sotto:
     Or, perchè sempre mi puoi comandare,
     Colui che di’ di montagna o di bosco,
     Fammi assaper, ch’io per me nol cognosco.

17 E s’egli avessi la testa di ferro,
     Per lo tuo amor due pezzi ne faroe:
     Così ti giuro, e so che mai non erro,
     E d’ogni cosa in te mi fideroe
     Di ciò che fu ne’ patti, s’io l’atterro.
     Rispose Antea: Con teco manderoe
     Un de’ miei mammalucchi,3 che là vegni,
     E questo can malfusso te lo ’nsegni.

18 Io mi ritorno drento alla città,
     Chè tempo non è or da far soggiorno:
     A’ tuoi prigion niente mancherà,
     Ch’io gli ho sempre onorati notte e giorno;
     E libero ciascun di lor sarà,
     Rinaldo, in ogni modo al tuo ritorno;
     Macon sia teco. E poi voltò il cavallo,
     Chè ’n volto più non sofferia guardallo.