Pagina:Pulci - Morgante maggiore II.pdf/265

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
262 il morgante maggiore.

79 Ma benchè nel giardin le triste aguria
     Apparissin, di fuor non fu sentito
     Per la città, nè da’ baroni in curia,
     Onde Marsilio è poi più sbigottito:
     E poi che fu passata questa furia,
     Ed ognuno era attonito e smarrito,
     Cominciò Bianciardino a confortargli,
     Ed a suo modo i segni a interpetrargli.

80 E mostrò con sua arte e sua dottrina,
     Che questi segni appariti sì strani
     Dinotavan l’incendio e la ruina,
     E ’l sangue che fia sparto de’ Cristiani;
     Ma Ganellone altrimenti indovina,
     E ben cognobbe gli argumenti vani:
     E tutta quella notte insino al giorno
     Varie cose alla mente ebbe dìintorno,

81 E combattè col senso la ragione,
     Poi vinse sua natura maladetta:
     L’altra mattina il re Marsilione
     Mandò per tutti i savi di Tolletta,
     Come colui ch'è in gran confusione,
     Che dovessino a lui venire in fretta;
     E non si fida a Bianciardin di questo,
     Chè non s’accorda ben la chiosa e ’l testo.

82 A Siragozza vennon tutti quanti
     A disputar sopra questa matera,
     Magi, astrolagi e molti nigromanti,
     Vaticini, auruspi, che ve n’era
     Gran copia allora, e famosi e prestanti.
     Marsilio contò lor la cosa intera,
     E comandò che debbin dire a quello
     Il vero, come a Nabucco Daniello.

83 Furono insieme adunque gl’indovini,
     E disson, dopo molto disputare,
     Che si potea per Carlo e’ paladini
     Il sangue e queste cose interpetrare,
     Come contra a Marsilio e’ Saracini;
     E d’alcun caso poi particulare
     Ebbon tra lor diverse opinione;
     Pur fecion tutti una conclusione.