Pagina:Pulci - Morgante maggiore II.pdf/31

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
28 il morgante maggiore.

134 Stu mi vedessi in una chiesa solo,
     Io son più vago27 di spogliar gli altari,
     Che ’l messo di contado del paiuolo:
     Poi corro alla cassetta de’ danari;
     Ma sempre in sagrestia fo il primo volo,
     E se v’è croce o calici, io gli ho cari,
     E’ crucifissi scuopro tutti quanti,
     Poi vo spogliando le nunziate e’ santi.

135 Io ho scopato già forse un pollaio:
     Stu mi vedessi stendere un bucato,
     Diresti che non è donna o massaio
     Che l’abbi così presto rassettato:
     S’io dovessi spiccar, Morgante, il maio,
     Io rubo sempre, dov'io sono usato;
     Ch’io non istò a guardar più tuo che mio,
     Perch’ogni cosa al principio è di Dio.

136 Ma innanzi ch’io rubassi di nascoso,
     Io fui prima alle strade malandrino:
     Arei spogliato un santo il più famoso,
     Se santi son nel ciel, per un quattrino;
     Ma per istarmi in pace e 'n più riposo,
     Non volli poi più essere assassino;
     Non che la voglia non vi fussi pronta,
     Ma perché il furto spesso vi si sconta.

137 Le virtù teologiche ci resta:
     S’io so falsare un libro, Dio tel dica:
     D’uno iccasse farotti un fio, ch’a sesta
     Non si farebbe più bello a fatica;
     E traggone ogni carta, e poi con questa
     Raccordo l’alfabeto e la rubrica,
     E scambieréti, e non vedresti come,
     Il titol, la coverta, il segno e ’l nome.

138 I sacramenti falsi e gli spergiuri
     Mi sdrucciolan giù proprio per la bocca
     Come i fichi sampier que’ ben maturi,
     O le lasagne, o qualche cosa sciocca;
     Nè vo’ che tu credessi ch’io mi curi
     Contro a questo o colui: zara a chi tocca:28
     Ed ho commesso già scompiglio e scandolo,
     Che mai non s’è poi ravviato il bandolo.