Pagina:Pulci - Morgante maggiore II.pdf/323

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
320 il morgante maggiore.

29 Quant’io per me, qual mansueto agnello
     Me ne vo, come Isacche, al sacrificio,
     Bench’io vegga già fuor tutto il coltello;
     Ch’io sento già quello eterno giudicio,
     Dove fia giudicato il buono e il fello,
     Tosto fia ministrato il grande oficio:
     Venite, benedicti patris mei;
     E nell’inferno discacciati i rei.

30 Però, mentre di vita ancor ci avanza,
     Perchè il fine è quel ch’ogni cosa onora,
     Ognun di paladin mostri possanza,
     Acciò che il corpo solamente mora;
     Ed abbiate buon cor sanza speranza,
     Perch’io non so quel che si fia ancora;
     E spesso ove i rimedii sono scarsi,
     Fu a molti salute il desperarsi.

31 E’ m’incresce che Carlo in sua vecchiezza
     Vedrà forse pur fin posto al suo regno
     Di Francia bella, e di sua gentilezza,
     Perch’egli è stato imperator pur degno;
     Ma ciò che sale, alfin vien poi in bassezza;
     Tutte cose mortal vanno a un segno:
     Mentre l’una sormonta, un’altra cade:
     Così fia forse di Cristianitade.

32 E increscemi del mio fratel Rinaldo,
     Ch’io non lo vegga innanzi alla mia morte
     A punir questo traditor ribaldo;
     E come cosa immaginata forte,
     Non posso in un proposito star saldo;
     E par che nella mente mi conforte
     Un pensier che mi dica: egli è qui presso:
     E guardo ognun ch’io veggo, s’egli è desso.

33 La cagion perchè il corno io non sonai,
     è per veder quel che sa far fortuna:
     Non vo’ che ignun se ne vanti giammai
     Ch’io lo sonassi per viltà nessuna:
     Prima fien tenebrosi in cielo i rai,
     Prima il sole arà lume dalla luna,
     Forse a Marsilio pria trarrò l’orgoglio,
     E con questo pensier sol morir voglio.